Rinquarto Tiri Indiretti di 3 sponde

Il rinquarto o "tre sponde" di calcio rappresenta il tiro principe nella categoria dei tiri indiretti. Saper eseguire correttamente questo tiro può fare la differenza tra giocatori, in quanto si presenta spesso come ottima soluzione per uscire da situazioni complicate, anche con la possibilità di realizzare punti.

In questo tiro la propria bilia colpisce in successione: sponda lunga, corta, lunga e infine la bilia avversaria. Da notare che la bilia, urtando le 3 sponde, ha una tendenza naturale ad acquistare e sviluppare effetto buono. Questa fatto è determinante per la traiettoria che essa segue, ed è il motivo principale per cui anche il tiro viene eseguito con effetto buono.

L'utilizzo dell'effetto ha il pregio di rendere uniformi e calcolabili le traiettorie della propria bilia, cosa molto importante dovendo spesso giocare su biliardi diversi tra loro.

Ci sono vari modi di "contare" questo tiro, nel nostro corso adotteremo il sistema conosciuto come "Angolo 50", e tutti gli schemi relativi saranno derivati dalla sua applicazione. Nel disegno a fianco sono indicate le traiettorie principali per arrivare sul birillo rosso, partendo da differenti posizioni. La propria bilia va colpita con effetto buono (a circa 1/2 del raggio) appena sopra la pancia, con steccata morbida, leggermente allungata.





Rinquarto

Questa è la tipica posizione delle bilie, per cui viene eseguito il rinquarto di calcio. La bilia avversaria viene colpita piena e indirizzata sul castello

La Forza da imprimere al tiro, insieme alla quantità di effetto rappresentano le difficoltà di questa esecuzione.

Per i tiri di precisione come questo, si consiglia di steccare con il ponticello molto vicino alla propria bilia.

La bilia avversaria abbatte il castello e si ferma appena dietro di esso per ottenere l'impallatura.

Forza: 1,5




Rinquarto

Anche in questo caso la scelta di eseguire un rinquarto si rivela la miglior soluzione adottabile.

Da notare la diversa traiettoria della bilia rispetto all'esempio precedente: il punto d'impatto con la terza sponda risulta più vicino all'angolo e la linea di "uscita" che ne deriva, forma con la suddetta sponda un angolo più acuto.

Tali differenze sono dovute esclusivamente alla diversa posizione della propria bilia sul campo di gioco.

Forza: 1,5 - 2




Rinquarto "sullo stretto"

In questo esempio la bilia avversaria si trova sullo "stretto" del castello, o più precisamente: la traiettoria per arrivare su di essa, risulta più stretta della traiettoria che porterebbe la propria bilia sul birillo rosso.

In un caso del genere non bisogna giungere sulla bilia avversaria per colpirla piena perchè non si realizzerebbero nè punti, nè copertura. E' necessario invece arrivare a colpire "mezza palla" avversaria, per indirizzarla sul castello e ottenere una buona impallatura.

La traiettoria della propria bilia deve essere quindi sempre calcolata considerando di passare sullo stretto dell'avversaria.

La forza del tiro dovrà essere pensata e calcolata di "misura", ovvero la minima forza necessaria per abbattere il castello con l'avversaria e, se possibile, arrestarla appena dietro.

Forza: 1,5




Rinquarto "sul largo"

In quest'altro esempio la bilia avversaria si trova nella situazione opposta alla precedente, ovvero si trova sul "largo" del castello. Di conseguenza anche la traiettoria della propria bilia andrà calcolata facendo conto di arrivare a colpire la "mezza palla" avversaria, questa volta però, sul largo.

A questo punto appare evidente una semplice regola generale che serve soprattutto ad evitare clamorose bevute: quando il rinquarto è sullo stretto è meglio "sbagliare" sullo stretto (ovvero mancare la bilia avversaria passandoci "stretti", ma evitando allo stesso tempo di finire sul castello); mentre quando il rinquarto è sul "largo", è meglio "sbagliare", ed eventualmente saltare la bilia avversaria, passandoci sul largo, piuttosto che sull'interno, bevendo di conseguenza anche i birilli.

Forza: 1,5




Rinquarto "sul largo"

Una considerazione a parte merita la questione della forza quando ci troviamo di fronte ad un rinquarto "sul largo". Gli esempi finora illustrati hanno preso in considerazione solo esecuzioni di misura, con lo scopo di lasciare la bilia avversaria appena dietro (se non in mezzo) al castello.

Ma quando il rinquarto è sul largo, c'è il grosso rischio di restare "scoperti" ed esposti ad un tiro di traversino da parte dell'avversario, qualora la forza del rinquarto fosse stata eccessiva. Per questo motivo, certe volte si preferisce giocare il rinquarto largo con una forza tale da portare entrambe le bilie vicine alla sponda corta inferiore.

Nel disegno in esempio, la posizione del pallino è un motivo valido per scegliere una forza superiore, così da cercare anche una steola.

Forza: 2 - 2,5




La Forza del Rinquarto

La distanza della bilia avversaria rispetto al castello determina la forza con cui eseguire il tiro. Quando la bilia avversaria è lontana dal castello non si cerca il tiro di misura per non rischiare di restare scoperti in caso di bilia avversaria colpita scarsa.

La forza ottimale è quella che porta l'avversaria nel punto diametralmente opposto a quello inziale, rispetto al castello (fig. di sinistra). In questo modo, in caso di urto non perfetto, è sempre possibile trovare una buona rimanenza (fig. a destra) .

Forza: 2 - 2,5